Salta al contenuto principale

Mozione del CA marzo 13 perichiarmare l'appello di Saint-Louis

 Saint-LouisIl c.a. della f.i.m.e.m., RIUNITO A vENEZA IL 31 MARZO 2013, RIAFFERMANDO QUANTO AVEVA EPSRESSO NEL 2006 IN UN DOCUMENTO SOPRA L’IMPIEGO DI BAMBINI-SOLDATO IN MOLTI PAESI AFRICANI, DEL MEDIO ORIENTE E DELL’AMERICA LATINA, ESPRIME ALTRESI’ LA SUA FERMA CONDANNA PER LA BARBARA STRAGE DI MOLTE BAMBINE E BAMBINI  IN SIRIA, NEL MALI E IN ALTRI PAESI DEL MONDO, COSI’ COME PER L’UTILIZZO DI MINORI IN ITALIA E IN MOLTI ALTRI  PAESI DA PARTE DELLE MAFIE PER LO SMERCIO DELLA DROGA ED ALTRE ATTIVITA’ ILLEGALI.

Bambini-soldati

LE PARTECIPANTI ALLA 26° R.I.D.E.F. ( INCONTRO INTERNAZIONALE DEGLI EDUCATORI FREINET), riuniti/e a Saint Louis del Senegal dal 7 al 14 agosto 2006, condannano il reclutamento e l’impiego di bambini-soldati, così come ogni altra forma di violenza, sfruttamento e negazione dei diritti dei bambini e delle bambine.

ricordano che, secondo l’ONU, nessun uomo può utilizzare armi prima dei 18 anni;

che il diritto all’educazione per tutti/e é un diritto inalienabile, così come il diritto dei/lle bambini/e al rispetto della propria cultura e della propria identità;

ritengono che l’impiego del bambino come soldato, impedendo ai soggetti di vivere pienamente la specificità delle diverse fasi del proprio ciclo di vita ( giocando, comunicando fra di loro, esprimendosi, apprendendo), sia un crimine contro l’umanità che deve essere giudicato da tribunali internazionali;

valutano altresì che l’occidente “democratico” sia molto ipocrita e compromesso al riguardo e che i paesi del nord del mondo dovrebbero d’ora in poi astenersi da ogni forma di intervento che nasconda sotto false “ragioni umanitarie” lo scopo dell’estensione del proprio potere e dei propri interessi di mercato;

ritengono che spetti agli organismi internazionali, alle organizzazioni internazionali di bambini/e, al movimenti pacifisti, ai movimenti delle donne, alle associazioni pedagogiche il sottolineare con forza il problema all’opinione pubblica mondiale;

noi, congressisti/e Freinet, invitiamo tutte le organizzazioni e le istituzioni a combattere ogni forma di reclutamento, di sfruttamento, di manipolazione ideologica e di fanatismo riguardo ai/lle bambini/e e qualsiasi tipo di intervento di bambini in situazioni di guerra

invitiamo inoltre a denunciare la politica di compromissione dei governi che da un lato denunciano queste situazioni, ma che d’altro lato vendono armi e forniscono tecnologie belliche a paesi in guerra.

Letto e approvato dall’Assemblea generale della F.I.M.E.M. in data 11 agosto 2006, Universitа Gaston Berger, Saint Louis del Senegal

 

 

Rispondi

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.